gotop

Inserzione N. 2078951

  • Home
  • Inserzione N. 2078951

Dettaglio

Dettaglio lotto

LOTTO UNICO
Quota pari al 100% del diritto di proprietà di porzione immobiliare indipendente su due livelli sita in Comune di Roma, quartiere Prenestino, via Pastena n. 3, e precisamente unità immobiliare ad uso civile abitazione posta al piano terra e primo catastalmente composta: - al piano terra da: ingresso a mezzo area pertinenziale con scala esterna di collegamento al piano superiore, pranzo/soggiorno, camera, cucina, e bagno; - al piano primo da: locale soffitta e ripostiglio (planimetria del 9/02/1996).

Dettaglio Vendita

Tipologia
Senza incanto
Data di vendita
21/02/2024 14:00
Prezzo base d'asta
€ 114.420,00
Offerta minima
€ 85.815,00
Rialzo minimo
€ 5.000,00
Modalità di vendita
Asincrona telematica
Termine presentazione offerta
20/02/2024 23:59
Effettua un'offerta nel sito del alternativa testuale Gestore vendita telematica

Beni inclusi nel lotto

via Pastena n. 3

Quota pari al 100% del diritto di proprietà di porzione immobiliare indipendente su due livelli sita in Comune di Roma, quartier...

- Segue nel dettaglio
flag ok Tipologia
Abitazione di tipo civile
flag ok Foglio
625
flag ok Particella
618

DESCRIZIONE


Quota pari al 100% del diritto di proprietà di porzione immobiliare indipendente su due livelli sita in Comune di Roma, quartiere Prenestino, via Pastena n. 3, e precisamente unità immobiliare ad uso civile abitazione posta al piano terra e primo catastalmente composta: - al piano terra da: ingresso a mezzo area pertinenziale con scala esterna di collegamento al piano superiore, pranzo/soggiorno, camera, cucina, e bagno; - al piano primo da: locale soffitta e ripostiglio (planimetria del 9/02/1996). A confine con: distacco su via Pastena, part. 618 sub. 2 e sub. 4, salvi altri e diversi confini. Censita al catasto dei Fabbricati del Comune di Roma al foglio 625, part. 618, sub. 3 (già sub. 502), z.c. 6, via Pastena n. 3 piano T-1, z.c. 4, cat. A/4, classe 3, cons. 4 vani, superf. cat. tot. mq 67 – escluse aree scoperte 64 mq, r.c. € 630,08 (variazione del 9/02/1996 Pratica RM 0417086 in atti dal 18/08/2023 – ampliamento n. 15341.1/1996). Lo stato dei luoghi non è conforme alla planimetria catastale e ai titoli edilizi oltre indicati per le difformità descritte in perizia, per cui oggi il bene risulta essere composto da: ingresso a mezzo area di pertinenza con scala esterna di collegamento al piano superiore, ingresso/soggiorno, due camere, bagno e zona cottura al piano terra; bagno e camera con balcone a livello al piano primo. Le difformità non sono sanabili e dovrà essere ripristinato lo stato dei luoghi in conformità all’ultimo titolo edilizio assentito, con costi già considerati nel valore di stima. Il fabbricato è stato edificato in assenza di titoli edilizi. Successivamente, con domanda di condono n. 87/26930 è stata richiesta la regolarizzazione del piano terra per un una superficie utile netta di 46,11 mq, cui è seguita la concessione in sanatoria n. 94996 del 2.03.1998. Come meglio specificato a pag. 11 dell’elaborato di stima, al riguardo il Perito ritiene verosimile che con detto titolo edilizio sia stata sanata anche la corte esterna di pertinenza della costruzione, non rappresentata in planimetria probabilmente per mero errore materiale in fase di compilazione della scheda grafica allegata alla domanda. A seguire con domanda di condono n. 0/8671 del 30/01/1995 veniva richiesta la regolarizzazione dell’abusivo ampliamento per sopraelevazione del fabbricato, cui seguiva il rilascio della concessione in sanatoria n. 118233 del 18.06.1998. Stato dei luoghi, destinazione urbanistica, eventuali vincoli, stato d’uso e di conservazione, eventuali oneri condominiali e formalità pregiudizievoli come in perizia. Si precisa che sul bene risulta trascritta la seguente domanda giudiziale: - formalità n. 24857 trascritta in data 15/04/2016 avente ad oggetto la richiesta di revocatoria, ai sensi dell’art. 2901 c.c. e in favore del creditore procedente, dell’atto di donazione del bene in capo all’attuale esecutata non debitrice. Il giudizio si è concluso con sentenza di accoglimento n. 15121/2019, munita di formula esecutiva in data 25/09/2019. Non potrà essere annotata di cancellazione con l’emanando decreto di trasferimento, ma costituisce il presupposto del pignoramento per il quale si procede nei confronti dell’attuale esecutata (non debitrice). Gli impianti elettrico, idrico e termico non sono attesati di conformità. Non vi è l’Ape. È occupato dall’esecutata che vi abita, potrà essere disposta la liberazione solo all’emissione del decreto di trasferimento. Il tutto come meglio descritto nell’elaborato peritale depositato in atti.

Eventi significativi ed esiti

Descrizione tabella
Data Tipologia Note
23/02/2024 Aggiudicato Aggiudicata a € 130.900,00

Dettaglio Procedura

Tipo Procedura
ESECUZIONE IMMOBILIARE POST LEGGE 80
N° Procedura
704/2020
Tribunale
Tribunale di ROMA
Lotto nr.
LOTTO UNICO
Pubblicato sul Portale il
15/11/2023

Referenti

Delegato alla vendita
Calissoni Giorgio Mario
Custode
IVG DI ROMA SRL
Telefono mobile custode
Telefono custode
0683751500
Email custode
pvp@visiteivgroma.it